SCALETTE DI BERGAMO – VIA DELLA NOCA

Bergamasca.net © Tutti i diritti riservati. - ALL RIGHTS RESERVED

SCALETTE DI BERGAMO - VIA DELLA NOCA

Testo: Mario Colombo
Foto: Mario Colombo

Premessa

Le Scalette di Bergamo sono una delle sue tante meraviglie: sentieri in salita, spesso acciottolati o gradonati che, fiancheggiando terrazzamenti, giardini ed edifici, costituiscono una piacevole alternativa all’uso di altri mezzi motorizzati. Ce ne sono per tutti i gusti, dai nomi pittoreschi (Salita dello Scorlazzone e dello Scorlazzino), dedicate a santi (come la Salita di San Martino, chissà perché vicino alla via S.Martino alla Pigrizia!) o… evocative, come la Salita del Paradiso o quella delle More, ma tutte regalano vedute magnifiche e verdi passeggi ombrosi. Una vera palestra per lo spirito e per il corpo, per rigenerarsi l’anima!
Le Scalette propongono una dimensione più “umana”, come scrisse Hermann Hesse, durante la sua visita a Bergamo e, nel loro breve percorso ci raccontano di una civiltà urbana ed agraria inaspettata. Strette stradine, viottoli acciottolati e ripidi scalini che salgono sino al cuore medievale di Città Alta, custodita dalle possenti Mura Venete. Scalette che sapranno regalarvi passeggiate nella quiete d’altri tempi, percorrendo terrazzamenti coltivati per secoli con dedizione e dove ci sono, ancora oggi orti con primizie di stagione e splendidi giardini che adornano le ville e contrade.
Un invito il nostro a muoversi su questi sentieri carichi di storia fra profumi e  colori che sapranno darci molta serenità.

(15)  Via della Noca

Posta tra l’Accademia Carrara e la Porta Sant’Agostino, per chi sale la Noca, vi è il piacere di una camminata in un ambiente dove si percepisce un fascino antico intriso di Storia. Il muro di pietra a vista, il filare d’alberi ed il suono dell’acqua che scorre aldilà del paramento, sono tutti i segni evidenti di un passato ancora ben presente e “radicato” nel territorio urbano della Città.
La partenza avviene da Piazza Carrara (linea autobus n° 6 – n°7), Dopo aver dato uno sguardo sulla destra, alla Pinacoteca, saliamo questo breve tragitto che ci porta a raggiunge la Porta Sant’Agostino. Ovvero, l’entrata principale fatta costruire, nel 1575 dalla Serenissima, in arenaria grigia, su progetto del famoso bergo-veneziano Paolo Berlendis. Da questa visuale la porta presenta, assieme all’omonimo spalto, il suo lato migliore: gentile ed austero allo stesso tempo.

Da vedere

Oltrepassata Porta Sant’Agostino si perviene al grande spazio della “Fara”, dove spicca in tutta la sua bellezza la Chiesa e tutto il complesso monastico, a cui fa da contraltare il colle su cui è adagiata la Rocca di Bergamo.

Variante

Il collegamento più prossimo è attraverso la Porta San Giacomo, che si raggiunge percorrendo il viale alberato delle Mura, per poi discendere in Bergamo Bassa lungo la via della Scaletta. Naturalmente si consiglia la visita a Città Alta, magari salendo lungo via Porta Dipinta.

Cenni storici

La via scalinata della Noca è forse la più ricordata nei documenti storici fin qui pervenuti. Della Noca si ha infatti notizia già nello Statuto di Bergamo del 1331, dove si dice “que sunt it via de Tovo” riferendosi all’attuale via della Noca. Il toponimo è documentato nell’XI secolo nella forma di “Nauca” di San Giovanni, mentre negli Atti di San Carlo Borromeo è riportato nella forma identica a quella odierna. Il termine Noca sta a significare sperone di colle; infatti, è proprio un rialzo artificiale di terra portata all’epoca della costruzione delle Mura.
In fondo alla Noca è visibile ancor oggi uno dei cippi in pietra arenaria, posti dopo la costruzione delle mura venete (1561-1588), con la scritta “non latius” (non oltre), che stava ad indicare il limite di non edificabilità nel perimetro attorno alle Mura. Per esigenze militari, tale limite venne calcolato in circa 25 pertiche (equivalente a quasi 52 metri).

PARTENZA: Piazza Carrara (Borgo Santa Caterina)
ARRIVO: Via Pignolo Alta (Porta Sant’Agostino)
DISLIVELLO: 30 m.
LUNGHEZZA: 290 m.
TEMPO DI PERCORRENZA: 5’
POSSIBILITA’ MTB: 100 %

Visionate  tutte le scalette:

1. Via del Rione – Case Moroni
2. Via Lavanderio
3. Via Ripa Pasqualina
4. San Matteo della Benaglia
5. Via Sudorno (parte bassa)
6. Scaletta dello Scorlazzino
7. Scaletta dello Scorlazzone
8. Scaletta del Castello di San Vigilio
9. Scaletta delle More
10. Scaletta Fontanabrolo
11. Scaletta di Via del Paradiso
12. Scaletta di Santa Lucia (vecchia)
13. Scaletta di Sant’Alessandro
14. Salita della Scaletta
15. Via della Noca

Skills

7

In Portfolios