PROVERBI

Bergamasca.net © Tutti i diritti riservati. - ALL RIGHTS RESERVED

 

Da alcuni anni, come appassionato di storia locale mi 
sono dedicato ad un’attività di “riscoperta”  delle nostre radici. Tra queste non potevano mancare i "Proverbi", che sentivo spesso citare dagli anziani del paese. In questa pagina ne proponiamo alcuni tra i più interessanti.

Proèrbe del mis de Zenét - Proverbi del mese di Gennaio
 
A copà ü pöles de zenér a se n’ còpa ü sentenér.
Ad uccidere una pulce il mese di gennaio, se ne uccide un centinaio.
 
A Dosséna per la mascherada de carneàl, no l’ manca gne ‘l Föria, gne ‘l Diàol.
A Dosena per la mascherata di carnevale, non manca né l’asino né il diavolo.

A metà zenér, metà pa e metà fé.
 A metà gennaio, metà di pane e metà di fieno.

A Pasquèta, ün’urèta.
All’Epifania, un’ora piccola.

A sant’Antóne un’ ura gròssa.
A sant’Antonio un’ora abbondante

Àrdet de la primaéra de zenér.
Guardati dalla (falsa) primavera di gennaio.

Chi öl ü bel aér, i la piante de zenér.
Chi vuole un agliaio redditizio, lo pianti in gennaio.

Dopo Nedàl, töcc i dé i è carnèal; dopo Pasquéta, töcc i dé de alegréssa; dopo S. Antóne, i bala a’ i nóne.
Dopo Natale, tutti i giorni son carnevale; dopo l’Epifania, tutti i giorni son d’allegria; dopo S. Antonio, ballano anche le nonne.

Ol trentü de zenér a s’cassa vià ‘l zenerù.
Il trentuno gennaio si scaccia il gennaio.

San Maüro (15), san Marcèl (16), sant’Antóne del porsèl, i è tri mercàncc de niv e de frècc.
San Mauro, san Marcello, sant’Antonio del maialino, sono tre mercanti di neve e di freddo.

Sant’Antóne l’è ü mercànt de niv.
Sant’Antonio è un mercante di neve.

Zenér l’è ‘l mis di gacc.
Gennaio è il mese dei gatti.

Zenér a l’ fa i pucc, fevrér i a dèsfa.
Gennaio fa i ponti, febbraio li distrugge.

 

 

Proèrbe del mis de Fevrér - Proverbi del mese di Febbraio

A la Madóna Candelòra, se l’ piöv o së l’ fiòca, del l’invèren a m’ sè fòra; ma se l‘ fa sul e l’ tira vènt,  per quaranta dé m’ turna dèt.
Alla festa di purificazione della Madonna, se piove o se nevica, si esce dall’inverno; ma si ritorna nel pieno dell’inverno se fa sole o tira vento.

A san Valentì, la primaéra l’è visì.
A san Valentino la primavera sta per arrivare.

A san Valentì, töcc i osèi i fa ‘l nì.
A san Valentino, tutti gli uccelletti preparano il nido.

Fevrér l’è fiöl d’öna ferlòca: o che l’piöf o che l’fiòca.
Febbraio è figlio di una pazza: o piove o nevica.
 
La nif de fevrér, la ‘ngrassa ‘l granér.
La neve di febbraio riempie il granaio.

Öna sigóla de fevrér, la ne àl ü pér.
Una cipolla di febbraio, ne vale un paio.

San Biàs a l’ te presèrve la góla da i rèsche de pèss e da töt ol rèst.
San Biagio ti preservi la gola dalle lische di pesce e da tutti gli altri malanni.

 

 

Proèrbe del mis de Mars - Proverbi del mese di Marzo

A san Benedèt, i róndene sóta ‘l tècc.
A san Benedetto le rondini (arrivano) sotto il tetto.

Al prim trù de mars, a i vé fò töte i lömaghe.
Al primo tuono di marzo escono tutte le lumache.

Mars acquùs, l’è bu apéna per i spus.
Marzo acquoso porta bene solo agli sposi.

Mars polverét, póca paia e tant formét.
Marzo polveroso, poca paglia e frumento in abbondanza.

Mars söcc, pa per töcc.
Marzo asciuttio, pane per tutti.

Mars söcc, avrìl bagnàt, beàt ol paisà che l’à somnàt.
Marzo asciutto, aprile bagnato, fortunato il contadino che ha seminato.

Niv marzölina, la düra da la sira a la matina.
La neve di marzo dura dalla sera al mattino.

Ol mercoledé di sènder e i venerdé de mars a i desüna a’ i osèi in del prat.
Il mercoledi delle ceneri e i venerdi di marzo, digiunano pure gli uccelli nel prato.
  
Quando la Quarisma la tóca tri mis, gh’è ròba a sö per i sése.
Quando la Quartesima si distribuisce su tre mesi ci sono frutti anche sulle siepi. 

 

 

Proèrbe del mis de Avrìl - Proverbi del mese di Aprile

A la Setimana Santa töcc i ghe té a la buna üsansa.
Durante la settimana santa tutti osservano la buona tradizione.

Avrìl a l’ ghe n’à trenta, se l’ piöèss trentü a l’ farèss mal a nissü.
Aprile ha trenta giorni, se piovesse trentuno non arrecherebbe danno a nessuno.

Avrìl al’ góta ‘l barìl.
Aprile gocciola il barile.

Avrìl avrilèt, ü dé cóld ü dé frècc.
Aprile apriletto, un giorno caldo un giorno freddo.

De avrìl a l’ böta i piante a’ sensa ulìl.
D’aprile germogliano le piante spontaneamente.

In avrìl öna buna aquada la val piö d’öna ‘ngrassada.
In aprile un buon acquazzone vale più d’una concimatura.

In avrìl töcc i àsegn i cambia ‘l pil.
In aprile tutti gli asini cambiano il pelo.

La rosada d’avrìl, la ‘mpienéss ol barìl.
La rugiada d’aprile riempie la botte.

L’ülìa no la lasse ‘n sagrestéa ma la pórte a la ca méa.
L’olivo non lo lascio in sacrestia ma lo porto a casa mia.

Ol gioedé sant a s’ liga i campane e s’ benedéss i öle sancc.
Il giovedi santo si legano le campane e si benediscono gli oli santi.

Ol prim de avrìl, a l’ fa cór i àsegn sènsa saìl.
Il primo di aprile fa correre gli asini senza che se n’accorgano.

Primaéra tardida, l’è mai falida.
Primavera in ritardo non arreca mai danno.

Sö l’ülìa o sö ‘l öv,  a l’ piöv.
Sull’olivo (domenica delle palme) o sull’uovo (Pasqua) piove.

 

 

Proèrbe del mis de Mas - Proverbi del mese di Maggio   

De mas a stàga dré ai caalér e al fé, la zèt l’è mai assé.
A maggio, per la fienagione e la bachicoltura, i lavoranti non sono mai sufficienti.

Fina ai quaranta de mas, no laga zó i tò strass.
Fino ai quaranta di maggio non toglierti i tuoi indumenti.

La tempèsta de mas, la rüina ‘l granàs.
La grandine di maggio rovina le granaglie.

Mas söcc, pa per töcc; mas ortolà, tanta pàia e póch grà.
Maggio asciutto, pane per tutti; maggio ortolano (piovoso), tanta paglia e poco grano.

Òia o no òia, ol mis de mas böta la fòia.
Si voglia o no, nel mese di maggio spuntano le foglie.

Ol mìs de mas, l’è ‘l mis di àsegn.
Il mese di maggio è il mese degli asini.

Quando l’ piöv ol mis de mas, a l’ porta vià ‘l formét e l’resta lè ‘l granàs.
Quando piove il mese di maggio, porta via il frumento e lascia solo lo scarto.

Se l’ piöv per san Vitùr, la à mal a la aca a al pastùr.
Se piove il giorno di san Vittore, va male per la mucca e per il pastore.

Se ‘l piöv de l’Ascensiù, sö tri grè l’ ne cala du; se l’ fa sul o tira ènt, i tri gré i deènta sènt.
Se piove il giorno della Ascenzione di tre grani ne calano due; se fa sole o soffia il vento, i tre grani diventano cento.

Se l’ piöv de l’ Ascensiù töcc i fröcc i pèrd la sò stagiù.
Se piove il giorno dell’Ascenzione tutti i frutti spostano il tempo della maturazione.

Se l’piöv d’ l’Asènsa, s’ fa la endèmia co la brènta.
Se piove all’Ascenzione si vendemia con la brenta.

Se l’piöv ol dè d’ l’ Asènza per quaranta dè m’ sé piö sènsa.
Se piove il giorno dell’Ascensione, piove per altri quaranta giorni.

Tempestada de mas, stagiù rüinada.
Grandinata di maggio, stagione rovinata.

 

 

Proèrbe del mis de Zögn  - Proverbi del mese di Giugno   

Chi no sgòba d’estàt, d’invèren a l’ se cicia i ónge.
Chi non lavora d’estate, d’inverno sugge le unghie.

Chi dis mal del estàt, dis mal de sò màder.
Chi parla male dell’estate, parla male di sua madre.

De zögn, la ranza ‘n pögn.
A giugno la falce in pugno.

L’aqua de zögn la rüina ‘l mölinér.
L’acqua di giugno rovina il mugnaio.

L’ombréa del estàt la fa ègn i dulùr d’invéren.
 L’ombra dell’estate (umido) causa i dolori dell’inverno.

 

 

Proèrbe del mis de Löi  - Proverbi del mese di Luglio     

A löi la tèra la bói.
A luglio la terra bolle.

A san Pantaliù, aqua a montü.
A san Pantaleone, acqua a secchi.

L’aqua de sant’ Ana, l’è öna mana.
L’acqua a sant’Anna è una vera manna.

Ol bèl tép e la bèla zét i stöfa mai.
Il bel tempo e la bella gente non stancano mai.

Quando ‘l sul l’è ‘n lèu, a s’ biv ol vi co ‘l pestù.
Quando il sole è nel solleone, si beve il vino con il fiasco.

 

 

Proèrbe del mis de Agóst - Proverbi del mese di Agosto   

A san Lorèns l’öa la pènd.
A san Lorenzo l’uva già pende dai tralci.

A san Ròch, la nus la cróda dal bròch.
A san Rocco, la noce cade dal ramo.

Agóst, campane no s’ conòss.
Di agosto, le campane non si ascoltano.

De agóst a l’ se fa l’öa, de setèmber l’è marüda.
Nel mese di agosto l’uva si forma, a settembre è matura.

De De agóst a s’ merènda ‘n del bósch.
Nel mese di agosto si merenda nel bosco.

La prima aqua de agóst la rinfresca ‘l bósch.
La prina acqua di Agosto rinfresca il bosco.

L’öa de agóst, la fa bu móst.
L’uva di agosto fa un buon mosto.

Quando l’ piöv d’agóst, piöv mél e móst.
Quando piove d’agosto, piove miele e mosto.

 

 

 
Proèrbe del mis de Setèmber - Proverbi del mese di Settembre     

Braghe de tila e melù, de setèmber no i è piö bu.
Calzoni di tela e meloni a settembre non valgono niente.

La lüna setembrina, sèt lüne la ‘ndüina.
La luna di settembre, indovina altre sette lunazioni.

Ol vènt de setèmber a l’ mangia la castègna e l’ biv ol vi.
Il vento di settembre mangia la castagna e beve il vino.

Setèmber cula piòmb.
Settembre scioglie il piombo.

 

 

Proèrbe del mis de Utùer - Proverbi del mese di Ottobre

A san Fransèsch sómna ‘l formét se te ö troàs contét.
A san Francesco semina il frumento, se vuoi essere contento.

De la Madóna del Rosare, castègne e zét per i strade.
Per la Madonna del rosario, castagne e gente per le strade.

Per san Gal, sómna sènsa fal.
Per san Gallo, semina senza alcun fallo.

Quando a utùer a l’ piöv e l’ truna, l’invernada la sarà buna.
Quando ad ottobre piove e tuona, l’invernata sarà buona.

Se l’ fa bèl tép ol dé de san Gal, a l’ fa bèl tép fina a Nedàl.
Se fa bel tempo il giorno di san Gallo, fa bel tempo fino a Natale.

 

 

 
Proèrbe del mis de Noèmber - Proverbi del mese di Novembre

A noèmber a fa zó mèlga e copà porsèi, ‘nfina a chi bröcc i deènta bèi.
A novembre a sgranare granoturco e ammazzare maiali, pure quelli brutti diventano belli.

A santa Caterina, la aca a la cassina.
A santa Caterina la mucca deve trovarsi alla cascina.

A santa Caterina, ol sul l’ salüda e l’ camina.
A santa Caterina, il sole saluta e scompare.

A san Martì, l’ se spusa i poarì.
A san Martino si sposano i poveri.  (Il periodo più indicato per il matrimonio era san Martino perché erano terminati i lavori dell’annata agricola e la gente disponeva di un po’ di denaro).

A san Martì, ol móst l’è deentàt vì.
A san Martino il mosto è diventato vino.

Ai mórcc e ai sancc, i va ‘n césa po’ i brigàncc.
Per la ricorrenza dei morti e dei santi, vanno in chiesa anche i briganti.

Chi che stóngia a san Martì, a i guadagna pa e ì.
Chi pota a san Martino, guadagna pane e vino.

Niv novembrina, màder e madrégna.
Neve di novembre, madre e matrigna.

Per la fèsta de töcc i sancc, s’ tira fò mantèi e guànc.
Per la festa d’Ognissanti si mettono in uso manteli e guanti.

Se i mórcc i vé co i pé söcc, i va co i pé bagnàcc; s’i vé co i pé bagnàcc i va co i pé söcc.
Se i morti vengono con  i piedi asciutti, vanno con i piedi bagnati (con la pioggia); se vengono con i piedi bagnati, se ne vanno con i piedi asciutti.

 

 

 

Proèrbe del mis de Desèmber - Proverbi del mese di Dicembre

A Nedàl ü pas de gal.
A Natale un passo di gallo (più luce).

A sant’ Ambrös, ol frècc l’ ispiör.
A sant’Ambrogio, il freddo pizzica.

A santa Lösséa l’ vé la spéa, e a Nedàl la é sensa fal.
A santa Lucia c’è il segnale della neve, a Natale arriva sicuramente.

Chi fabrica d’inverno, fabrica in eterno.
Chi fabbrica d’inverno, costruisce in modo duraturo.

Nedàl rabiùs, carneàl ariùs.
Natale rabbioso, carnevale ventoso.

Niv desembrina per trì mis la se confina.
Neve di Dicembre rimane per tre mesi

Ol presepe ‘n cà a Nedàl, per i s-cècc l’è ü bèl regàl.
Il presepio allestito in casa a Natale, per i bambini è un bel regalo.

Quando l’ canta ‘l merlo, l’ è finìt l’inverno.
Quando canta il merlo è finito l’inverno.

Quando l’ fioca sö la fòia, l’è un invèren che fa òia.
Quando nevica sulla foglia, è un inverno che fa venir voglia (piacevole).

 

 

Proverbi vari

A caàl dunàt no s’ghe arda ‘n bóca.
A caval donato non si guarda in bocca.

A fórsa de magàgn, a s’campa sènt’agn.
Da un acciacco all’altro si campa cent’anni.

A mör a s’è sèmper a tép.
A morire si è sempre a tempo.

A sèt agn a m’sè pötèi, a setanta m’sé amò chèi.
A sette anni siamo ragazzini, a settanta siamo ancora uguali.

A tàola s’vé mai vècc.
A tavola non s’invecchia.

Amùr növ a l’va e l’vè ma chèl vècc a l’se manté.
L’amore nuovo è incostante, ma quello vecchio si mantiene. 

Aria de fessüra, aria de sepoltüra.
Aria che viene da fessura è aria che porta alla sepoltura.

Àsen de natüra chi non sa lès la sò scritüra.
È asino di natura chi non sa leggere la propria scrittura.

Bisògna mia sinsigà ol cà che dórma.
Non si deve molestare il cane che dorme.

Cà che bór a l’pia mia.
Can che abbaia non morde.

Chèl che s’impara de s-cèt, l’rèsta sèmper ‘n del servèl.
Ciò che s’impara da ragazzi, rimane sempre in testa.

Chi che parla ‘n latì a i vanta l’aqua ma i biv ol vi.
Coloro che parlano latino, celebrano l’acqua ma bevono il vino.

Chi no sómna no regói.
Chi non semina non raccoglie.

Chi tö moér a l’fa bé, chi no l’la tö l’fa mèi.
Chi si sposa fa bene, chi non si sposa fa meglio.

Chi àsen nass, àsen mör.
Chi asino nasce, asino muore.

Chi sómna co’l vènt, a l’ regói tempèsta.
Chi semina vento, raccoglie tempesta.

Chi sómna ‘l órt ol venerdé sant, no l’ gh’avrà mai dan.
Chi semina l’orto il venerdì santo non avrà mai danno.

Chi sta co’l lüf l’impara a ürlà.
Chi stacon il lupo impara ad ululare.

Di pedàgn ghe n’è tance ma di dòne póche.
Le gonne sono tante, ma le vere donne poche.

Dòne e mutùr, crus e dulùr.
Donne e motori, croci e dolori.

Fin che gh’è fiàt gh’è éta.
Fino che c’è fiato c’è vita.

Förtünada chèla spusa che la prima l’è öna tusa.
Fortunata è quella sposa, la cui prima nata è femmina.

Galina ègia fa bu bröd.
Gallina vecchia fa buon brodo.

Gna i cà i mèna la cua per ol negót.
Nemmeno i cani scodinzolano per nulla.

I amìs i è rar come i mósche bianche.
Gli amici sono rari come le mosche bianche.

I dòne i grigna quando i pöl, i pians quando i völ.
Le donne ridono quando possono, piangono quando vogliono.

I fómne i ghe n’sa öna piö del diàol.
Le donne ne sanno una più del diavolo.

I sbaglia anche i précc a dì mèssa.
Sbagliano anche i preti a dire messa.

I söche i stà sèmper a gala.
Le zucche stanno sempre a galla.

I sólcc i va e i vé, ma la tèra l’è sèmper lé.
Denari vanno e vengono, ma la terra rimane sempre al suo posto.

L’è sèmper ‘l öltem bicér che l’fa ciapà la ciòca.
E’ sempre l’ultimo bicchiere che rende ubriachi.

L’èrba catìa la mör mia.
L’erbaccia non muore mai.

‘L öcc del padrù l’ingrassa ‘l caàl.
L’occhio del padrone ingrassa il cavallo.

La bóca l’è mai straca se no la sènt de aca.
La bocca non è stanca se non sente di mucca (formaggio).

La cossiènsa l’è come l’ gatìgol: gh’è chi l’la sènt e chi no l’la sènt.
La coscienza è come il solletico, c’è chi lo sente e chi non lo sente.
 

La fómna che sta a la sò cà, la tróa sèmper del defà.
La donna che cura la sua casa ha sempre da sfaccendare.

La gata fressusa la fa i micì  òrb.
La gatta frettolosa fa i gattini ciechi.
La gramégna la nass depertöt.
L’erba gramigna nasce ovunque.

La pàia apröf al föch la se ‘mpia.
La paglia vicino al fuoco si accende.

La prima galina che canta l’è chèla che à facc ‘l öv.
La prima gallina che canta è quella che ha fatto l’uovo.

La salüte no l’è mai pagada assé.
La salute non ha prezzo.

La söcia l’è pès de la tempèsta.
La siccità è peggio della tempesta.

La vólp la pèrd ol pél ma mia i ésse.
La volpe perde il pelo ma non i vizi.

La zoentü l’è öna entada; a s’se rincórs quando l’è passada.
La gioventù è come  una ventata, ci si accorge quando è ormai passata.

Mèi ol vi cóld de l’aqua frègia.
Meglio vin caldo che acqua fredda.

Mei ün öv incö che öna póia domà.
Meglio un uovo oggi che una gallina domani.

Murusa del cümü, spusa de nissü.
Morosa di tutti, sposa di nessuno.

Ògne cà la gh’à ü cóp rót.
Ogni casa ha una tegola rotta.
Ol basì l’è ‘l prim scalì.
Il bacio è il primo gradino.

Ol culùr róss a l’fa ardà, ‘l culùr ismórt a l’fa inemurà.
Il colore rosso fa guardare, ma il colore pallido fa innamorare.

Ol diàol a l’fa i pignate ma mia i coèrcc.
Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi.

Öna cà sènza ècc l’è compàgn d’öna cà senza tècc.
Una casa senza vecchi è come una casa senza tetto.

Ol gat a l’cór se gh’è ‘l rat.
Il gatto corre se c’è il topo.

Ol pèss gròss a l’ mangia chèl pìcol (o minüt).
Il pesce grosso, ingoia quello piccolo.

Ol Signùr a l’ paga mia a giornada, ma töcc i sabàcc.
Il Signore non paga a giornata ma ad ogni  sabato.

Ol signùr l’è sura i tècc ma ‘n del cör a l’se fa sènt.
Il signore sta sopra i tetti, ma si fa sentire nel cuore.

Ol signùr prima i la crèa e pò i la péra.
Il signore prima li crea e poi li appaia.

Per viga ü bu móst, sapa la it de óst.
Per ottenere un buon mosto, zappa la vite d’agosto.

Pensà bé per no pecà, pensà mal per no sbaglià.
Pensar bene per non peccare, pensar male per non sbagliare.

Précc, mòneghe e frà; leàga ‘l capèl e lassài indà.
Preti, monache e frati; tanto di cappello e laciarli andare.

Quando i nass.. töcc bèi; quando i se spusa.. töcc isciòr; quando i mör..  töcc bu.
Quando nascono..tutti sono belli; quando sposano..tutti ricchi; quando muoiono.. tutti buoni.

Quando ‘l marìt l’è sóta-tèra la èdoa la se fa piö bèla.
Quando il marito è stato sotterrato la vedova si fa più bella.

Quando ‘l sul a l’va e l’ve te gh’é l’aqua prèst ai pé.
Quando il sole va e viene, presto hai l’acqua ai piedi.

Quando s’gh’à fam l’è bu töt.
Quando si ha fame tutto è buono.

Quando te sé ècc te se scóldet co la lègna teada de zùen.
Quando sei vecchio ti scaldi con la legna che hai tagliato da giovane.

Quando zontüre, feride e òss i döl, ol tép a l’va al bröt.
Quando giunture, ferite e ossa sono dolorose, il tempo si mette al brutto.

Regordà i mèrecc l’è öna rüina; regordà i erùr l’è medesina.
Ricordare solo i meriti è dannoso; ricordare gli errori  è una medicina.

S’nümina ‘l pecàt, mia ‘l pecadùr.
Si nomina il peccato, non il peccatore.

Se l’manca i s-cècc in cà gh’è frècc.
Se mancano i figli la casa è fredda.

Se s’fa del mal, mè recordàl; se s’fa del bé desmentegàl.
Se si fa del male bisogna ricordarlo, se si fa del bene dimenticarlo.

Se ‘l Signùr a l’völèss dà scólt a töcc a l’gh’avrèss ü bel defà.
Se il Padreterno dovesse prestare orecchio a tutti, avrebbe un bel daffare.

Serà fò la stala quando i bö i è scapàcc.
Chiudere la stalla quando i buoi son fuggiti.

Söche e melù, ògna fröt a la sò stagiù.
Zucche e meloni, ogni frutto alla propria stagione.

Tóss tossèta, ciama cassèta.
Una tossicciola continua porta alla morte.

Ü gal per polér, ü prét per campanél, öna fómna per camì.
(Stanno bene) un gallo per pollaio, un prete per campanile, una sola donna per ogni camino.

 
Ü pàder a l’manté dés fiöi, ma dés fiöi i manté mia ü pàder.
Un padre riesce a mantenere dieci figli, ma dieci figli non mantengono un padre.

Ü sach vöd a l’pöl mia stà ‘n pé,
Un sacco vuoto non può stare ritto in piedi

***