PROVERBI

Bergamasca.net © Tutti i diritti riservati. - ALL RIGHTS RESERVED

 

Da alcuni anni, come appassionato di storia locale mi 
sono dedicato ad un’attività di “riscoperta”  delle nostre radici. Tra queste non potevano mancare i "Proverbi", che sentivo spesso citare dagli anziani del paese. In questa pagina ne proponiamo alcuni tra i più interessanti.

  • A metà zenér, metà pa e metà fé.
  • A metà gennaio, metà di pane e metà di fieno.
  • A Nedàl ü pas de gal.
  • A Natale un passo di gallo (più luce).
  • A santa Lösséa l’ vé la spéa, e a Nedàl la é sensa fal.
  • A santa Lucia c’è il segnale della neve, a Natale arriva sicuramente.
  • A Pasquèta, ün’urèta.
  • All’Epifania, un’ora piccola.
  • A sant’Antóne un’ ura gròssa.
  • A sant’Antonio un’ora abbondante.
  • A san Benedèt, i róndene sóta ‘l tècc.
  • A san Benedetto le rondini (arrivano) sotto il tetto.
  • A san Martì, l’ se spusa i poarì.
  • A san Martino si sposano i poveri.  (Il periodo più indicato per il matrimonio era san Martino perché erano terminati i lavori dell’annata agricola e la gente disponeva di un po’ di denaro).
  • A san Martì, ol móst l’è deentàt vì.
  • A san Martino il mosto è diventato vino.
  • A san Pantaliù, aqua a montü.
  • A san Pantaleone, acqua a secchi.
  • A sèt agn a m’sè pötèi, a setanta m’sé amò chèi.
  • A sette anni siamo ragazzini, a settanta siamo ancora uguali.
  • Àrdet de la primaéra de zenér.
  • Guardati dalla (falsa) primavera di gennaio.
  • A la Madóna Candelòra, se l’ piöv o së l’ fiòca, del l’invèren a m’ sè fòra; ma se l‘ fa sul e l’ tira vènt,  per quaranta dé m’ turna dèt.
  • Alla festa di purificazione della Madonna, se piove o se nevica, si esce dall’inverno; ma si ritorna nel pieno dell’inverno se fa sole o tira vento.
  • A la Setimana Santa töcc i ghe té a la buna üsansa.
  • Durante la settimana santa tutti osservano la buona tradizione.
  • A san Marc i caalér i va ‘n processiù.
  • A san marco i bachi da seta vanno in processione.
  • Avrìl avrilèt, ü dé cóld ü dé frècc.
  • Aprile apriletto, un giorno caldo un giorno freddo.
  • A tàola s’vé mai vècc.
  • A tavola non s’invecchia.
  • Cà che bór a l’pia mia.
  • Can che abbaia non morde.
  • Chi no sgòba d’estàt, d’invèren a l’ se cicia i ónge.
  • Chi non lavora d’estate, d’inverno sugge le unghie.
  • Chi che stóngia a san Martì, a i guadagna pa e ì.
  • Chi pota a san Martino, guadagna pane e vino.
  • Chi àsen nass, àsen mör.
  • Chi asino nasce, asino muore.
  • Chi tö moér a l’fa bé, chi no l’la tö l’fa mèi.
  • Chi si sposa fa bene, chi non si sposa fa meglio.
  • De zögn, la ranza ‘n pögn.
  • A giugno la falce in pugno.
  • Epifania, töte i fèste pórta via.
  • L’Epifania tutte le feste si porta via.
  • Galina ègia fa bu bröd.
  • Gallina vecchia fa buon brodo.
  • I fómne i ghe n’sa öna piö del diàol.
  • Le donne ne sanno una più del diavolo.
  • l prim trù de mars, a i vé fò töte i lömaghe.
  • Al primo tuono di marzo escono tutte le lumache.
  • L’aqua de zögn la rüina ‘l mölinér.
  • L’acqua di giugno rovina il mugnaio.
  • La bóca l’è mai straca se no la sènt de aca.
  • La bocca non è stanca se non sente di mucca (formaggio).
  • La nif de fevrér, la ‘ngrassa ‘l granér.
  • La neve di febbraio riempie il granaio.
  • La prima aqua de agóst la rinfresca ‘l bósch.
  • La prina acqua di Agosto rinfresca il bosco.
  • La rosada d’avrìl, la ‘mpienéss ol barìl.
  • La rugiada d’aprile riempie la botte.
  • La tempèsta de mas, la rüina ‘l granàs.
  • La grandine di maggio rovina le granaglie.
  • L’aqua de sant’ Ana, l’è öna mana.
  • L’acqua a sant’Anna è una vera manna.
  • Mas söcc, pa per töcc; mas ortolà, tanta pàia e póch grà.
  • Maggio asciutto, pane per tutti; maggio ortolano (piovoso), tanta paglia e poco grano.
  • Mars söcc, pa per töcc.
  • Marzo asciuttio, pane per tutti.
  • Mei ün öv incö che öna póia domà.
  • Meglio un uovo oggi che una gallina domani.
  • Niv marzölina, la düra da la sira a la matina.
  • La neve di marzo dura dalla sera al mattino.
  • Niv novembrina, màder e madrégna.
  • Neve di novembre, madre e matrigna.
  • Ol diàol a l’fa i pignate ma mia i coèrcc.
  • Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi.
  • Ol gioedé sant a s’ liga i campane e s’ benedéss i öle sancc.
  • Il giovedi santo si legano le campane e si benediscono gli oli santi.
  • Ol mìs de mas, l’è ‘l mis di àsegn.
  • Il mese di maggio è il mese degli asini.
  • Ol prim de avrìl, a l’ fa cór i àsegn sènsa saìl.
  • Il primo di aprile fa correre gli asini senza che se n’accorgano.
  • Öna cà sènza ècc l’è compàgn d’öna cà senza tècc.
  • Una casa senza vecchi è come una casa senza tetto.
  • Quando a utùer a l’ piöv e l’ truna, l’invernada la sarà buna.
  • Quando ad ottobre piove e tuona, l’invernata sarà buona.
  • Quando l’ canta ‘l merlo, l’ è finìt l’inverno.
  • Quando canta il merlo è finito l’inverno.
  • Quando ‘l piöv ol de dé Pasqua, töte i feste i sguassa.
  • Quando piove il giorno di Pasqua, tutte le feste (hanno) un acquazzone.
  • San Maüro (15), san Marcèl (16), sant’Antóne del porsèl, i è tri mercàncc de niv e de frècc.
  • San Mauro, san Marcello, sant’Antonio del maialino, sono tre mercanti di neve e di freddo.
  • Se a la Madóna Candelòra gh’e seré, ol pastùr a l’cómpra ‘l fé; se gh’è nìol a l’ cómpra ‘l sìfol.
  • Se alla purificazione della Madonna è sereno, il pastore compera fie (perché il bestaiame dovrà stare ancora nella stalla), se è nuvolo, compera lo zufolo (perché presto potrà condurre il bestiame al pascolo).
  • Se ‘l piöv a san Lorèns, l’è amò a tép, se ‘l piöv a la Assunta, l’è amò buna, se ‘l piöv a san Ròch, l’à spetàt tròp, se ‘l piöv a san Bartolomè, a s’laa i pé.
  • Se piove a San Lorenzo, è ancora in tempo per piovere, se piove all’Assunta è ancora utile, se piove a S.Rocco ha aspettato troppo, se piove a san Bartolomeo serve solo per lavare i piedi.
  • Se l’ fa bèl tép ol dé de san Gal, a l’ fa bèl tép fina a Nedàl.
  • Se fa bel tempo il giorno di san Gallo, fa bel tempo fino a Natale.
  • Sö l’ülìa o sö ‘l öv,  a l’ piöv.
  • Sull’olivo (domenica delle palme) o sull’uovo (Pasqua) piove.
  • Söche e melù, ògna fröt a la sò stagiù.
  • Zucche e meloni, ogni frutto alla propria stagione.
  • Tóss tossèta, ciama cassèta.
  • Una tossicciola continua porta alla morte.
  • Zenér a l’ fa i pucc, fevrér i a dèsfa.
  • Gennaio fa i ponti, febbraio li distrugge.