In primo piano

Bergamasca.net © Tutti i diritti riservati. - ALL RIGHTS RESERVED

Raffaello e l’eco del mito, l’evento in Accademia Carrara

 

Dal 27 gennaio al 6 maggio 2018 apre al pubblico “Raffaello e l’eco del mito”, il nuovo progetto della Fondazione Accademia Carrara realizzato in collaborazione con la GAMeC e in coproduzione con Electa/Marsilio.

Partendo dal «San Sebastiano» dell’Accademia Carrara, l’esposizione – a cura di M. Cristina Rodeschini, Emanuela Daffra e Giacinto Di Pietrantonio – racconta la formazione del maestro urbinate, la sua attività e la sua fortuna. Preziose opere di Raffaello in prestito dai più importanti musei del mondo, tra cui la National Gallery di Londra, il Staatliche Museen zu Berlin – Gemäldegalerie di Berlino, il Metropolitan Museum of Art di New York, il Pushkin State Museum of Fine Arts di Mosca e lo State Hermitage Museum di San Pietroburgo, dialogheranno con grandi maestri dal ‘400 ai giorni nostri. Oltre venti lavori originali di Raffaello, opere di Memling, Berruguete, Perugino, Pintoricchio, Signorelli, per citarne alcuni, ricostruiscono con rigore uno spettacolare contesto culturale di altissima cultura, offrendo al visitatore un percorso emozionante che restituisce Raffaello alla dimensione più alta del mito. Il percorso espositivo si completa di un «corpus» scelto di opere del Novecento e del XXI secolo realizzate dagli artisti che meglio ne hanno raccolto l’eredità. L’influenza dell’artista urbinate si ritrova infatti nei «d’après» di Luigi Ontani, Salvo e Francesco Vezzoli, nel tratto di Pablo Picasso, nella magia pittorica di stampo classico di Giorgio de Chirico e Antonio Donghi, nella figurazione celebrativa di Carlo Maria Mariani, nella trasposizione fotografica delle performance di Vanessa Beecroft e nelle fotografie digitali di Mariella Bettineschi. E ancora, nelle opere «impacchettate» di Christo, nelle figure femminili ritratte da Omar Galliani, nella ricerca formale combinata a enigma di Pietro Roccasalva e nei lavori di tre artisti concettuali che dialogheranno con l’opera del Sanzio in un excursus attraverso i secoli: Ettore Spalletti, capace di fare propria l’intimità universale che ha attraversato la storia dell’arte; Luciano Fabro, che evoca uno dei capolavori di Raffaello, e Giulio Paolini, che presenta un’opera inedita realizzata proprio a partire dal «San Sebastiano».

 

Una mostra di Accademia Carrara
in collaborazione con GAMeC

Spazi espositivi GAMeC

via San Tomaso 53

Bergamo

 

ORARI
Tutti i giorni
dalle 9.30 alle 19.00
Chiuso il martedì

 

INFORMAZIONI GRUPPI
t. 02 39469837
info@admaiora.education

PRENOTAZIONI GRUPPI
t. 035 0514356


www.raffaellesco.it

info@raffaellesco.it

 

Info: www.lacarrara.it

 

***

 

BERGAMASCA DELLE MERAVIGLIE

I COLORI, I PROFUMI, LE EMOZIONI

 

 

C’è sicuramente un luogo particolarmente caro, di questa nostra splendida Bergamasca, che è rimasto nel nostro cuore. Un “Luogo” che vorreste far conoscere, tutelare, conservare, salvaguardare, valorizzare?
Un luogo più o meno noto, piccolo o grande, può essere il silenzio di una chiesa romanica, la magia di un castello, un monumento, una cascata, una verde vallata, un parco naturale e tutto ciò che vi abita, l’atmosfera di un antico borgo, la veduta di una montagna, una pieve dimenticata o un’antica dimora da valorizzare.

Dar voce e visibilità a queste realtà è lo scopo dell’iniziativa “BERGAMASCA DELLE MERAVIGLIE. I colori, i profumi e le emozioni”, promosso da BERGAMASCA.NET, con l’obiettivo di coinvolgere concretamente tutti i bergamaschi e non solo, proponendo il luogo che sentono particolarmente caro e importante e che vorrebbero fosse ricordato, valorizzato e conservato intatto per le generazioni future, contribuendo a sensibilizzare tutti sul valore del nostro patrimonio artistico, culturale, storico e naturalistico.

Tutti abbiamo sicuramente un luogo di questa nostra Bergamasca, che riveste per noi un significato speciale. L’iniziativa “BERGAMASCA DELLE MERAVIGLIE. I colori, i profumi e le emozioni” offre a tutti la possibilità di segnalare e contribuire alla difesa dei luoghi amati, luoghi vissuti e apprezzati, magari da quando eravamo ragazzi e ora vediamo abbandonati e dimenticati o luoghi particolari ed importanti nella storia e nella vita della nostra comunità.

Partecipa anche tu. Mandaci le foto della tua: “BERGAMASCA DELLE MERAVIGLIE

Puoi inviare una foto singola o un portfolio con più foto e una segnalazione scritta sia via posta ordinaria che tramite posta elettronica. Per saperne di più vai alla pagina COLLABORA CON NOI.

Ti piace l’idea? Passaparola.

GUARDA LE FOTO DI BERGAMASCA DELLE MERAVIGLIE

 

 

***

ARCHIVIO STORICO BERGAMASCA

 

 

Documentare e incuriosire, stimolare e appassionare tutti alla conoscenza del proprio territorio, delle proprie origini.

L’Archivio Storico Bergamasca, creato da Mario Colombo con Bergamasca.net  ha intrapreso un’opera di raccolta di immagini fotografiche, con l’intento di salvaguardare e incentivare in modo nuovo e propositivo l’importante patrimonio storico, culturale e artistico del territorio bergamasco. Attualmente, le immagini, provenienti da privati o fondi facenti capo a fotografi professionisti, vengono scansionate ad alta risoluzione memorizzate su HD e DVD, e schedate secondo gli standard forniti dalla Regione Lombardia e desunti dalla Scheda F del Ministero per i Beni Culturali. Le immagini, poi,  vengono restituite ai proprietari o lasciate all’Archivio Storico Bergamasca (Donazione in forma libera). Si tratta quindi della creazione di una raccolta di immagini per lo più in formato elettronico, archiviate utilizzando un sistema informativo che ne favorisce la facile consultazione. Si è proceduto alla catalogazione con acquisizione digitale di immagini e cartoline, creando una base dati di immagini che ripercorre la storia del territorio, della nostra provincia.

PARTECIPA ANCHE TU. MANDACI LE TUE FOTO STORICHE.

Ti piace l’idea? Passaparola.

GUARDA LE FOTO DELL’ARCHIVIO STORICO BERGAMASCA

 

***

 

40° ANNIVERSARIO ALBERO DEGLI ZOCCOLI

L’albero degli zoccoli 1978-2018

40° anniversario della Palma d’oro al Festival di Cannes


 

 

Ricorre quest’anno il quarantesimo anniversario della vittoria della Palma d’oro al Festival internazionale del Cinema di Cannes del film “L’albero degli Zoccoli”, il capolavoro realizzato da Ermanno Olmi, il regista che ha saputo  interpretare in modo sublime la vita e la cultura contadina di un mondo che  stava lentamente scomparendo. Eventi, luoghi e personaggi del film furono ispirati dalla tradizione agricola tipica della pianura bergamasca. Molte scene difatti vennero girate nelle località di alcuni piccoli paesi della bassa bergamasca, utilizzando spesso come attori le persone del posto.

Per celebrare la ricorrenza sono state programmate tante iniziative, da febbraio a giugno, in varie località della bergamasca:

* 24 febbraio 2018 – Treviglio: Momento celebrativo al cinema Tnt

* 10 marzo 2018 – Martinengo

* 7 Aprile 2018 – Cortenuova

* 21 Aprile 2018 – Cividate al Piano

* 12 maggio 2018 – Calcinate

* 19 maggio 2018 – Palosco

* 24 Giugno 2018 – Mornico al Serio

Sono previste proiezioni, mostre, sagre e tanto altro. Il programma completo sul sito www.bassabergamascaorientale.it


 

 

 

***

 

BERGAMO SCOLPITA

PERCORSI NELLA STORIA DI BERGAMO ATTRAVERSO LE VOCI DELLE SUE PIETRE

Marcella Cattaneo      Tosca Rossi

 

Si intitola “BERGAMO SCOLPITA – PERCORSI NELLA STORIA DI BERGAMO ATTRAVERSO LE VOCI DELLE SUE PIETRE”, il libro realizzato dalle storiche dell’arte Marcella Cattaneo e Tosca Rossi.

“Le lapidi sono la storia sui muri, come i monumenti sono la storia in piedi, scrisse Ugo Ojetti. Leggendole, si passa da un secolo all’altro, da un evento all’altro, da un personaggio all’altro, ripercorrendo a ritroso la storia attraverso eventi, fatti, personaggi e date poste su edifici, faccaiate, muri di case ed istituzioni. Una lapide intende fissare, al di là degli anni e dei secoli che scorrono, un evento ed un personaggio degni di menzione, arrestando ed evitando lo scempio del tempo, che trascorre lento ed inesorabile, consegnando il tutto ai posteri ed alla fama. Lo stesso valga per steli, cippi, targhe e monumenti, che da sempre rappresentano un’esaltazione soggettiva o collettiva di persomaggi o fatti, il cui elemento comune è rappresentaato dalla pietra, rimando a durezza e immobilità perenne”.

La nuova e inedita guida storico-artistica edita da GRAFICA & ARTE è disponibile nelle migliori librerie.

 

 

***

 

UNA TRA I MILLE, ANITA

DEDICATO AD ANITA GARIBALDI

Aurora Cantini

 

 

 

E’ uscito il nuovo romanzo di Aurora Cantini: “UNA TRA I MILLE, ANITA”.

Dedicato ad Anita Garibaldi nei suoi ultimi giorni di vita nelle Valli del Comacchio, l’amicizia e il conforto con una vecchia serva bergamasca, Adalgisa, che un tempo lavorava in filanda in Valle Seriana e un trovatello che da grande seguirà Garibaldi fino a Bergamo Alta liberandola dagli Austriaci e farà parte dei Mille insieme al grande Daniele Piccinini di Pradalunga e a Francesco Nullo.

Immagine di copertina “Prati sotto la Cornagera” di Oscar Carrara.

Prenotabile in tutte le librerie e già attivo sui circuiti on line Amazon, IBS, Feltrinelli, Mondadori Store…

 

“Grazie fin d’ora a chi già lo sta leggendo, a chi lo leggerà e a chi mi seguirà in questa nuova avventura, ancora dedicata a Bergamo e alla gente della nostra terra.” Aurora Cantini

 

*

Martedì 24 aprile 2018 alle ore 18.00

presentazione del libro in occasione della FIERA DEI LIBRAI

Spazio ex Albergo Diurno ( sotto Piazza Dante) – Bergamo

 

Aurora Cantini festeggia la sua decima pubblicazione, nel 25° anniversario dall’uscita del suo primo libro.

Il romanzo racconta gli ultimi giorni di Anita Garibaldi, in un intreccio con i garibaldini bergamaschi e le donne che lavoravano in filanda.

 

 

 

***

 

 

IL BAMBINO CON LA VALIGIA ROSSA

STORIA DI UN BAMBINO TROVATELLO

Aurora Cantini

 

 

 

E’ in libreria il romanzo di Aurora Cantini: “IL BAMBINO CON LA VALIFIA ROSSA”, ambientato a Bergamo negli anni Quaranta, protagonista un bambino trovatello consegnato al Brefotrofio ai primi giorni di gennaio del ’44 dopo che la mamma l’aveva lasciato solo in una cantina.

Il romanzo è ordinabile nelle migliori librerie e sugli store online.
È presente e in esposizione presso la centralissima Libreria IBS di Bergamo e la Libreria Mondadori del Centro commerciale Le Due Torri, Stezzano e alla Libreria Libraccio di Curno.

DOVE TROVARLO SUL WEB

http://www.amazon.it/bambino-valigia-rossa-Aurora-Cantini/dp/8899220395

http://www.ibs.it/code/9788899220396/cantini-aurora/bambino-con-valigia.html

https://www.libroco.it/dl/Cantini-Aurora/Silele/9788899220396/Il-bambino-con-la-valigia-rossa/cw163663152829608.html

http://m.libreriauniversitaria.it/#!/product/BIT/9788899220396

http://sileleeditore.altervista.org/joomla/novita/251-il-bambino-con-la-valigia-rossa

LA PAGINA UFFICIALE SU FACEBOOK

https://www.facebook.com/ilbambinoconlavaligiarossa/